Situazione kafkiana…Pecunia non olet

Campionato falsato? Secondo il Mister del Napoli Gattuso, del Presidente Brescia Cellino, dell’ad dell’Inter Marotta a 90°Minuto ha detto:

“Partite rinviate? Gestione improvvida di Dal Pino. Campionato falsato…Ha deciso senza interpellare nessuno, è molto grave.[..] D’ora in avanti le porte chiuse non esistono, stop”.

La lapidaria risposta del Presidente lega serie A dal Pino non si è fatta attendere con altrettanto furore ed incisività dialettica:

“..Venerdì l’ad De Siervo e io abbiamo proposto all’Inter di spostare la gara contro la Juventus al lunedì sera per disputarla a porte aperte. L’Inter si è rifiutata categoricamente di scendere in campo, si assuma le sue responsabilità e non parli di sportività e campionato falsato”.

Non di meno è stato il Mister del Lecce F. Liverani:

…Ritorna il lato oscuro del calcio“.

…Così come quella del Dg della Fiorentina J. Barone rilasciate durante la diretta di 90° minuto:

“Rinvii Serie A? [..] Per la Fiorentina abbiamo rispettato tutte le regole, essendo io in contatto con la Lega. Ho chiesto informazioni se la squadra doveva partire e sono stato rassicurato che si giocava a porte chiuse. Siamo andati ad Udine e da lì abbiamo capito che c’era una situazione di instabilità. Verso le 12.30 di sabato c’è stata l’ufficialità. O giochiamo tutti o non gioca nessuno: era una situazione in cui nessuno doveva giocare”.

Ed altrettanto inequivocabili sono state le dichiarazioni del Ministro allo sport Spadafora rilasciate durante la trasmissione Domenica In:

Sono decisioni che devono prendere le Leghe…Non entro in scelte che possono essere autonome del mondo dello sport, quello che abbiamo disposto è la necessità di salvaguardare la salute – ha detto – Quindi ok alle gare a porte chiuse, provvedimento che noi non abbiamo imposto, non c’è l’obbligo...

A noi, invece, pare sensata la decisione della Lega Pro di sospendere due – tre turni le partite di calcio dell’intero campionato. Altrettanto quella della Lega B, di giocare alcuni incontri a porte chiuse.

E’ difficile dipanare il bandolo della matassa, così (non) agendo, si trasmette un’immagine kafkiana all’estero, porte chiuse/aperte, rinvii/recuperi ( permettendo )… per usare un eufemismo politically (in)correct.

Comprendiamo, “stoicamente”  le squadre ( società) di calcio sono aziende, quindi l’ipotesi di rinunciare a diversi milioni di euro d’incasso, con la logica  aziendale del mero profitto, del dover chiudere a fine stagione bilanci in attivo, ( tralasciando di primo acchito situazioni morali ed etiche in questo momento storico fondamentali) ci viene spontaneo asserire cinicamente con sferzante sarcasmo che:

“Pecunia non olet”!

Invece cucendo al governo del calcio un aforisma di E. Flaiano ci parrebbe doveroso concludere, lasciando al lettore le proprie conclusioni, con:

“La situazione politica (del governo del calcio) in Italia è grave ma non è seria”.

Il Direttore
Fabio Bray

9520cookie-checkSituazione kafkiana…Pecunia non olet
 

Direttore Kintsugi

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *